Riccardo Muti torna al San Pietro a Majella per presentare l’Italian Opera Academy 2016

Ieri sera, sabato 28 novembre alle 17.30 il Maestro Riccardo Muti è tornato  al San Pietro a Majella, accogliendo l’invito del direttore Elsa Evangelista, per presentare agli studenti del Conservatorio  il programma 2016 dell’Italian Opera Academy che il Maestro ha fondato con l’obiettivo di trasmettere alle nuove generazioni di musicisti quanto appreso dai suoi maestri. L’invito esteso agli studenti e ai direttori dei conservatori limitrofi, ha visto riempirsi una sala Scarlatti gremita come non mai. Il Maestro Muti ci ha parlato per un paio di ore discutendo con tutti noi dei suoi progetti della sua volontà di essere almeno un paio di volte all’anno in Conservatorio per dare continuità al rapporto creatosi con la città e i suoi luoghi più importanti.  Ci ha raccontato degli episodi, alcuni molto divertenti ed altri toccanti più importanti della sua vita in città come nel resto del mondo. Il maestro dopo l’incontro ci ha ricevuto per alcune domande. In particolare si è discusso del suo nuovo progetto della Italian Opera Academy dove ha garantito una osmosi con le nostre strutture formative per portare avanti i nostri migliori allievi, si è discusso della città, di come si debbano aprire i suoi luoghi più belli, non solo Piazza del Plebiscito, per organizzare concerti e dare vita ad occasioni mondane. Ha espresso inoltre l’apprezzamento sulle nuove nomine dei musei napoletani in particolare sulla Reggia di Capodimonte e sul suo direttore Sylvain Bellenger conosciuto a Chicago essendo stato il direttore del ‘Art Institute of Chicago. Una mia specifica domanda a riguardato la possibilità di organizzare un grande festival della musica barocca a Napoli utilizzando l’immenso patrimonio delle opere possedute dal Conservatorio San Pietro a Majella, sulla falsariga del Mozarteum di Salisburgo. Il Maestro ha detto testualmente che sarebbe cosa importante per la città connotare la stessa con un evento annuale di portata mondiale e che in loco esistono i migliori “Barocchisti” al mondo per poter portare avanti questo importante progetto e di cui si potrebbe fare anche il suo Testimonial più importante. Bene istituzioni e imprenditori fatevi avanti…

Tanto entusiasmo tanta passione, quella di ieri è stata una importante giornata per la città di Napoli, organizzata alla perfezione dal Conservatorio e dai suoi docenti, che ha visto ancora una volta il maestro Muti  qui presente a dare risalto alla “Cultura” e alle meraviglie della sua Napoli.

Ad Maiora Maestro e alla prossima.

Massimiliano Cerrito

Annunci