Cronaca di un concerto rock annunciato…
Alle 21,45 concerto non ancora iniziato. Arena non assolutamente piena.
Alle 22 il pubblico inizia a spazientirsi.
L’acustica e’ buona ed anche la voce di Plant– nonostante le quasi 69 primavere.
si scalda la platea, ora canta Torna a Sorento in inglesee attacca Baby i’m gonna liveU.
Una bambina di forse due anni dorme in braccio alla madre.
Lunga varia ma deludente Whola Lotta Love….

 

Venerdì 22 luglio all’ Arena Flegra Plant accompagnato dai Sensational Space Shifters (un gran bel gruppo che varia da impostazioni rock al country fino all’elettronica) inizia il concerto con brani del suo ultimo album per poi virare su classici degli zeppelin suonati in versione soft. La voce e’ ancora valida ma la presenza scenica no (ha quasi 68 anni). Il pubblico e’ caldo e pronto ad esplodere ai primi accordi che li riportano agli anni migliori, ma alla fine rimane forse un po’ deluso dalle versioni fuse in una specie di medley con altri , classici blues di capolavori come Whola lotta love, Dazed and confused e Rock and roll. Due i bis ma niente Starway to haven. Voto 6 1/2.Davanti a me Tanti fans Agée ma tosti. Altri Accanto due che facevano e fumavano canne. Non sapevo esistessero ancora. Come vedrete nelle foto il nostro era quasi sempre un po’ curvo. Comunque Rust never sleeps rock & roll will never die…

Annunci